fbpx

Gruppo Giovani Arcigay Genova: Il rispetto per tutti inizia in famiglia

Questa mattina abbiamo letto su «Il Secolo XIX» una notizia che ci ha molto rattristato. Un nostro coetaneo, uno studente, è stato aggredito dal padre proprio nel momento in cui ha trovato il coraggio di fare il suo coming out, proprio quando, dopo il proprio percorso personale, ha raggiunto la consapevolezza e la forza necessari a confidarsi. Il coming out è un momento importantissimo e di grande forza; nella nostra esperienza è un gesto d’amore nei confronti di chi pensiamo meriti di sapere tutto di noi.

“I nostri gruppi di lavoro incontrano quotidianamente tanti ragazzi”, dice Antonella Lupo (24 anni), responsabile del Gruppo Giovani e Consigliera di Arcigay Genova e spiega che, come Francesco (continuando a usare il nome d’invenzione), affrontano a volte contesti non semplici anche a Genova. Tanti si trovano a dover scegliere come vivere la propria omosessualità e la propria identità: qualcuno la tiene nascosta, altri la vivono libera e visibile. Ormai da qualche anno una parte del Gruppo organizza incontri formativi negli istituti superiori di Genova e della Liguria proprio per venire incontro a quei ragazzi che sono o che potrebbero essere in difficoltà. Vorremmo far sapere al ragazzo aggredito che noi ci saremo anche per lui; per noi Arcigay è stato il laboratorio importante per la costruzione di una società e cultura migliori a partire da noi stessi.

“Svolgiamo un lavoro paziente e costante che però non basta”, aggiunge Davide Liguori (21 anni), altro responsabile del Gruppo Giovani. “Abbiamo bisogno che lo Stato finalmente riconosca la nostra esistenza e protegga la nostra visibilità”. Per questo i Giovani insistono nel chiedere l’approvazione definitiva della Legge sulle Unioni civili e una legge contro l’omofobia. La società tutta deve costruire un nuovo futuro inclusivo per tutti.

Concludiamo precisando a tutti i giornalisti che, mentre per “coming out” si intende la rivelazione spontanea del proprio orientamento sessuale, con “outing” si intende la rivelazione dell’orientamento sessuale di una persona contro la sua volontà.